Progetto Improlabile

Avviato il progetto IMPROLABILE, finanziato dal Piano immigrazione 2017 – Azione 16 “Progetti interculturali” della Regione Friuli Venezia Giulia. Coinvolge 7 partner e vari enti pubblici e privati (Comune di Udine, U.T.I. del Natisone – Servizio Sociale dei Comuni, Civiform, l’Associazione culturale Ucraina-Friuli, l’Associazione culturale la Carovana artistica, ARCI territoriale Provincia di Udine, Confcooperative Udine, Coop Puntozero).

Attraverso il progetto si intende diffondere una sensibilità interculturale valorizzando l’auto-imprenditorialità giovanile, attraverso la realizzazione di attività che mirano a una contaminazione creativa tra italiani e stranieri anche nel loro futuro lavorativo.

Verranno selezionati ragazzi italiani e stranieri tra i 18 e i 25 anni, per costituire un gruppo misto (6 ragazzi stranieri di nuovo arrivo, 6 ragazzi italiani figli di immigrati/stranieri di seconda generazione e 6 ragazzi italiani) che diventi (pro)motore di saperi multiculturali da spendere in futuri progetti comuni, anche imprenditoriali, utili a intravvedere l’unico protagonismo sociale possibile: quello interculturale, di contaminazione positiva e creativa.

I ragazzi verranno accompagnati in un percorso di: team building iniziale, attraverso un’esperienza residenziale; progettazione, esecuzione e quindi monitoraggio dei 2 laboratori in cui farli sperimentare sul campo. Il primo sarà un laboratorio di cucina, il secondo di ciclofficina e la restituzione pubblica consisterà nella creazione di un open day partecipativo e replicabile, in cui i laboratori avranno uno spazio espressivo.


Obiettivi: 

  • costruire un gruppo di lavoro multietnico, coeso e proattivo; 
  • rendere protagonisti i giovani non solo dell’esecuzione ma anche della progettazione dei 2 laboratori multietnici, quali progetti condivisi (progettare, eseguire, monitorare) in una logica di sostenibilità e di cooperazione, attraverso il metodo della simulazione;
  • mettere in gioco competenze di cui sono consapevoli e far emergere quelle di cui sono meno consapevoli;
  • rendere il gruppo protagonista di un modo innovativo di raccontare l’incontro interculturale e i suoi frutti più maturi e innovativi;
  • mostrare al tessuto economico, culturale e sociale locale le potenzialità di un team multietnico anche per l’economia e la società locale, attraverso un monitoraggio in itinere e una disseminazione ex post dei risultati di progetto.

Destinatari:

Verranno selezionati 6 italiani, 6 immigrati di ultima generazione e 6 immigrati o italiani figli di immigrati di seconda generazione per permettere una compresenza tra le 2 generazioni di immigrati e lo scambio di esperienze diverse.


Azioni: 

1. Costituzione del gruppo di lavoro che coordinerà la rete di partner per la selezione dei ragazzi italiani e stranieri (coadiuvata dalle associazioni e dalle comunità di cittadini stranieri).

2. Team-building all’interno di un’esperienza residenziale di un week end lungo, in un luogo in cui sperimentare la vita insieme, attraverso 3 sotto-attività principali:

A) Modulo “teatrale”: verranno proposti dei giochi che sperimentano l'interazione a coppie e di gruppo, il senso del collettivo e della relazione, il linguaggio del corpo e l'improvvisazione, la capacità di comunicare a più livelli e con strumenti adatti al contesto. 

B) Modulo “cooperativo”: realizzazione di un percorso che mirerà a promuovere quelle competenze trasversali, personali, interpersonali e interculturali che riguardano tutte le modalità di interazione e che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa di ogni giorno. 

C) Modulo “testimonianze”: ci saranno in questo modulo diverse testimonianze di ragazzi stranieri di seconda generazione, di giovani cooperatori che hanno fatto start up e la presentazione di case studies europei in cui migranti e autoctoni hanno prodotto iniziative imprenditoriali e/o la costituzione di associazioni culturali/sportive/ricreative interessanti.

3. Progettazione e pianificazione di 2 laboratori multietnici:

a. Laboratorio di cucina multietnica grazie alla collaborazione tra CIVIFORM e l’Associazione femminile Interetnica e Interculturale CINAMPA. In particolare, quest’ultima porterà l’essenziale contenuto multiculturale alle attività laboratoriali grazie alla loro esperienza decennale nell’organizzazione di catering etnici e presentazioni annesse dei vari Paesi da cui derivano le loro proposte culinarie.

CIVIFORM realizzerà il modulo “tecnico” in cui metterà a disposizione uno chef, presso i propri laboratori, che insegnerà agli allievi stranieri ed italiani diverse competenze culinarie. La collaborazione continuerà anche nel secondo modulo, il modulo “testimonianze multietniche”, a cura di CINAMPA, che sarà un percorso tra vari Paesi del Mondo attraverso gli odori, i sapori e le spezie incentrato sulla cucina multietnica riadattata al contesto italiano.

b. Laboratorio di ciclofficina che si svolgerà all’interno della Ciclofficina di ABICITUDINE che strutturerà il laboratorio nel suo modulo “riparazioni” dividendo il programma in ore di teoria e ore di pratica.

5. Open day finale comune ai 2 laboratori: la restituzione pubblica del progetto si realizzerà in una giornata conclusiva delle attività che prenderà il nome di UNA GIORNATA IM.PRO.LAB.ILE.


Durata: da novembre 2017 a giugno 2018


Partner:

  • Associazione OIKOS - capofila
  • Confcooperative
  • Miskappa
  • Ospiti in arrivo
  • Ass. CINAMPA
  • Abicitudine
  • Teatro della Sete





©2011 Civiform soc. coop. sociale Tutti i diritti riservati. | P. IVA 01905060305Privacy | Qualità | site credits